Via Luigi Luzzatti 16b
35121 PADOVA – Italia

t +39 049 8756763
f +39 049 8070068
info@amicimusicapadova.org

Quartetto di Venezia

archi

Pietro De Maria

pianoforte

César Franck

Quartetto
Quintetto

in ricordo di Gabriella Goldin, amica e collaboratrice degli Amici della Musica di Padova

 

Accanto alla Sonata per violino e pianoforte (vedi il programma di P.Graffin e C.Désert) gli altri due grandi capolavori della musica da camera di C.Franck sono il Quintetto con pianoforte e, il meno noto, Quartetto d’archi. Due opere tarde, rispettivamente del 1879 e del 1890: entrambe ebbero la loro prima esecuzione alla Société Nationale e sono alla base dello sviluppo della musica da camera francese. Saint-Saëns (dedicatario e pianista nella prima esecuzione del Quintetto) non ne ebbe in verità una grande considerazione, mentre Ysaÿe manifestò nei confronti del Quartetto e del suo autore una grande ammirazione. La stessa che ebbe Marcel Proust: “gli ultimi quartetti di Beethoven e la musica di Franck sono il mio principale nutrimento spirituale” (1916); e nello stesso anno, per poter meglio ascoltare l’austero Quartetto, Proust convocò a casa sua il Quartetto Poulet. Ed anche il Quintetto è per Proust una delle fonti di ispirazione per il Settimino di Vinteuil.

Il Quartetto di Venezia è nato nel 1981 e la sua lunga carriera ne fa uno degli ensemble italiani più longevi ed apprezzati. Si è formato alla scuola del Quartetto Italiano nei corsi di P.Farulli a Fiesole e a Siena, e a quella del Quartetto Végh, attraverso i numerosi incontri con S.Végh e P.Szabó (con quest’ultimo ebbero poi l’onore e la gioia di eseguire il Quintetto di Schubert op.163). Presente nelle maggiori sedi concertistiche in tutto il mondo, il Quartetto di Venezia è stato quartetto residente alla Normale di Pisa e alla Fondazione Cini di Venezia. Ricca ed ampia la sua discografia, con le integrali dei Quartetti di Bazzini, Cherubini, Malipiero (Premio della Critica Discografica Italiana) e opere di Casella e Turchi.

Veneziano è anche il pianista Pietro De Maria, che ha perfezionato i suoi studi alla scuola di Maria Tipo e si è successivamente affermato fra il 1990 e il 1997 in importanti concorsi come il Čajkovskij, il Concorso Dino Ciani, il Géza Anda e il Concorso Mendelssohn. Accademico di Santa Cecilia e docente al Mozarteum di Salisburgo, De Maria ha una ricchissima attività concertistica e discografica, sia da solo che nella musica da camera.