Quartetto Scimemi

Gabrielle Shek, violino
Tommaso Scimemi, violino
Ettore Scimemi, viola
Pietro Scimemi, violoncello

QUARTETTO SCIMEMI
In casa Scimemi si è sempre fatta musica da camera: tra parenti, amici o ospiti occasionali - dilettanti appassionati o solisti di fama - ci si diverte leggendo insieme i capolavori del repertorio cameristico nell’ambiente per cui sono stati pensati. Si inizia nel pomeriggio e spesso si finisce a notte fonda. Talvolta questi incontri diventano momenti importanti: nel lontano 1920, in una serata di quartetto in Prato della Valle, un altro Ettore Scimemi (siciliano, nonno dell'Ettore di oggi) conobbe Vittoria, violinista, che sarebbe diventata sua moglie. Cent'anni dopo, nella famiglia Scimemi, nonostante i mille impegni professionali e scolastici, l’amore per la musica da camera è una tradizione più viva che mai.

GABRIELLE SHEK, violino
Violinista di origine cino-giapponese, è nata a San Francisco dove ha iniziato a suonare all’età di quattro anni.  Dopo la laurea in musica alla Yale University, ha conseguito un Master in musica al New England Conservatory di Boston e si è perfezionata a Londra con David Takeno.  Ha suonato per molti anni alla Tonhalle Orchestra di Zurigo e come spalla dei secondi all’Orchestra dell’Opera di Zurigo, prima di essere chiamata da Claudio Abbado a far parte dell’Orchestra Mozart.  Ha suonato musica da camera con Martha Argerich, Mario Brunello, Mischa Maisky, Sonig Tchakerian, e Renaud Capucon.  Nel 2019 viene invitata da Ezio Bosso come spalla della Europe Philharmonic Orchestra, con cui effettua anche svariate incisioni e registrazioni televisive.  Attualmente collabora con la Chamber Orchestra of Europe ed è leader di SŌNO.

TOMMASO SCIMEMI, violino 
Nato a New Haven, Connecticut (USA) Tommaso inizia a suonare il violino a tre anni sotto la guida della madre e di Teresa Ratcliff.  Nel 2007 viene ammesso nella classe di Sonig Tchakerian presso il Conservatorio "Pollini" di Padova dove si diploma con il massimo dei voti all’età di sedici anni sotto la guida di Glauco Bertagnin.  Si perfeziona con Ilya Grubert presso l'Accademia Santa Cecilia di Portogruaro ed è vincitore di primi premi in vari concorsi a livello nazionale e internazionale.  Partecipa a masterclasses estive con Maestri quali Wonji Kim, Igor Ozim, Philip Draganov e Kurt Sassmanshaus, e dal 2017 al 2019 frequenta il Mozarteum di Salisburgo come allievo di Wonji Kim.  Attualmente Tommaso studia Classics al King’s College dell’Università di Cambridge dove è spalla della Cambridge University Orchestra.  Insieme a suo fratello Pietro e al pianista Davide Scarabottolo ha fondato il Trio Antenore, con cui ha vinto numerosi premi e si è esibito in molti teatri in Veneto e nel nord Italia. 

ETTORE SCIMEMI, viola
Si è diplomato brillantemente in violino all’età di 17 anni.  Vincitore di una borsa di studio Fulbright, ha studiato alla Yale University, dove - oltre a incontrare Gabrielle - si è perfezionato con Sidney Harth e il Tokyo String Quartet.  Tornato in Italia, ha suonato a lungo con Fabio Biondi e l’Europa Galante. È stato spalla di diversi gruppi, tra cui in particolare l’Orchestra Lorenzo da Ponte, che per molti anni ha anche gestito, portandola a partecipare a numerosi festivals e rassegne internazionali e a collaborare con le prime parti delle migliori orchestre europee e con solisti prestigiosi quali Accardo, Mullova, Lonquich, Biondi, Mitterhofer, Bezuidenhout, Touvron.  Appassionato di direzione d’orchestra, ha fondato e dirige SŌNO, un gruppo a geometria variabile, specializzato nel repertorio barocco e classico.  È professore universitario di diritto commerciale e socio di uno dei più importanti studi legali italiani.

PIETRO SCIMEMI, violoncello
Nato a Padova, Pietro comincia a suonare il violoncello all'età di quattro anni.  Qualche anno dopo viene ammesso nella classe di Luca Simoncini presso il Conservatorio "Venezze" di Rovigo dove si diploma a quindici anni con il massimo dei voti e la lode. Vince il primo premio in numerosi concorsi musicali nazionali e internazionali e partecipa a masterclasses con Wen-Sinn Yang, Enrico Dindo, Christophe Coin, Giovanni Sollima e Monika Leskovar.  Nel 2017 supera l’audizione per essere ammesso al corso di perfezionamento di Antonio Meneses presso la Fondazione Stauffer di Cremona.  Nel 2020 viene invitato a far parte della European Union Youth Orchestra, con cui ha in programma varie tournée.  Pietro ha appena concluso il quarto anno del Liceo Classico Tito Livio di Padova.  Suona nel Trio Antenore insieme a suo fratello Tommaso e al pianista Davide Scarabottolo, e ha al suo attivo anche una prestigiosa collaborazione con il pianista Bruno Canino.