Leila Schayegh

violino

Nata a Winterthur, ha studiato violino moderno con Raphaël Oleg all'Accademia di musica di Basilea, dove si è diplomata Summa cum laude nel 1999. Dopo due anni trascorsi come membro della Filarmonica di Zurigo, è entrata a far parte della classe di Chiara Banchini  alla Schola Cantorum Basiliensis che ha lasciato nel 2005 con una Summa cum laude.  Nel 2003 riceve i primi premi dall'Alte Musiktreff di Berlino, dalla Förderpreiswettbewerb der Konzertgesellschaft di Monaco e dal Premio Bonporti di Rovereto. Dal 2010 insegna violino barocco alla Schola Cantorum Basiliensis in successione a Chiara Banchini.  Lì, trasmette a una nuova generazione di musicisti la sua esperienza dello strumento e il suo approccio musicale: grande espressività basata sulla conoscenza approfondita del tempo in cui le opere sono state composte.

 Leila Schayegh ha sviluppato una stretta collaborazione con il clavicembalista, organista e direttore d'orchestra Jörg Halubek.  La loro registrazione del 2016 delle Sei Sonate obbligate di J.S. Bach ha ricevuto il plauso della critica e ha vinto numerosi premi (Diapason of the Year, Grammophone Award, Schallenplattpreis).  La sua collaborazione con il direttore e clavicembalista Vaclav Luks ha in particolare dato un CD di sonate per violino di Benda (Diapason d'Or 2011) e un CD di concerti per violino Mysliveček nel 2018. Suona dal 2008 con l'ensemble Gli Angéli Genève.  sotto la direzione di Stephan MacLeod, in particolare per quasi tutte le cantate di JS Bach.  Leila Schayegh sta ora espandendo il suo repertorio in direzione del classico e del romantico, in particolare con una registrazione delle sonate per violino di Brahms con Jan Schultsz nel 2018 per l'etichetta Glossa. Quattro di queste ultime cinque registrazioni sono state premiate con un Diapason of the Year (sonate di JS Bach nel 2016, sonate di Caldara con Amandine Beyer nel 2015), un Diapason d'Or (opere di CPE Bach nel 2014, sonate Benda nel 2011) o Grammophone Editor's Choice e Schallenplattpreis.

 

foto (c) M.Borggreve