Via Luigi Luzzatti 16b
35121 PADOVA – Italia

t +39 049 8756763
f +39 049 8070068
info@amicimusicapadova.org

Sabine Meyer

clarinetto

Nils Mönkemeyer

viola

William Youn

pianoforte

Robert Schumann

Studi per Pedal-Flügel op. 56 (trascrizione per trio di Jost Michaels)
Märchenerzählungen op. 132

Konstantia Gourzi

“Hommage à Mozart" per viola e pianoforte (prima esecuzione italiana)

Franz Liszt

Due Lieder di Clara Schumann per pianoforte S 569 n. 9, n. 10
"Widmung" di Robert Schumann per pianoforte S 566

Wolfgang Amadeus Mozart

Trio K 498 “Kegelstatt”

Sabine Meyer è da anni protagonista assoluta della scena internazionale e ha contribuito in maniera decisiva ad una rinnovata affermazione del clarinetto in campo concertistico. La sua carriera e notorietà hanno preso il via con clamore, quando fu invitata, giovanissima, da Herbert von Karajan nell’Orchestra dei Berliner Philarmoniker. Carriera che si è poi sviluppata in tutto il mondo con concerti nelle maggiori sale e con le orchestre e direttori più prestigiosi e, in parallelo, in una ricchissima produzione discografica. Al tempo stesso Sabine Meyer ha sempre coltivato anche la musica da camera sia in formazioni di fiati (Trio di clarone, Ottetto etc.) sia con gli archi e il pianoforte (H. Schiff, R. Buchbinder, Wiener Streichsextett, Quartetto Modigliani, Quartetto Armida etc.).
In questa occasione suoi partner sono il violista Nils Moenkemeyer ed il pianista William Youn, con cui ha recentemente inciso per Sony il Trio K 498 di Mozart; sempre per Sony Moenkemeyer e Youn hanno inciso l’op.120 n.1 di Brahms.
Nils Moenkemeyer è "Artist in Residence 2021" degli Schwetzingen Festspiele e dei Festspiele Mecklenburg-Vorpommern.
William Youn ha compiuto i suoi studi in Corea, negli USA, in Germania e a Como. Vive oggi a Monaco di Baviera dove è docente all’Università delle Belle Arti. Ha inciso tutte le sonate di Mozart per Oehms Classics ed ha intrapreso un nuovo progetto dedicato a Schubert per Sony.

Il programma del concerto è intessuto attorno ai nomi di Mozart e di Schumann, che ci hanno lasciato i due grandi capolavori per questa rara formazione cameristica (clarinetto, viola e pianoforte). Si tratta del Trio K 498 "Kegelstatt" (Dei birilli) che Mozart scrisse nel 1786 e dei "Mächenerzählungen"(Racconti fiabeschi) op. 132 di Schumann del 1853. Del 1849 invece l’op.73 e del 1845 i 5 Studi op. 56, che J.Michaels ha trascritto dall’originale per Pedal-Flügel (pianoforte con pedaliera) - e che già T.Kirchner aveva trascritto per trio violino,violoncello, pianoforte.
Un medaglione che si completa con i Lieder di Clara Schumann nella versione pianistica di Liszt.
Konstantia Gourzi è una giovane compositrice greca (studi al Conservatorio di Atene e al HdK di Berlino, attiva anche nella direzione d'orchestra, ospite alla Biennale Musica di Venezia 2020) e il suo "Hommage à Mozart" (2014) è stato commissionato e recentemente inciso per ECM dai nostri interpreti.

 

Foto © Steven Haberland